CHIEDE GLI ALIMENTI AL MARITO CORNUTO: LA SENTENZA DIVENTERA’ EPOCALE! ECCO COSA HA DECISO IL GIUDICE

Schermata-2016-05-27-alle-10.36.54.jpg


Tra moglie e marito non mettere il dito. A meno che la coppia stia divorziando e tu sia il giudice deputato a sentenziare sull’assegnamento dei beni e degli alimenti. Tutto è cominciato nel giugno 2010 quando lei, Giuliana B., classe 1959, ha chiesto la separazione dal marito, Renato T., pensionato classe 1947, e si è rivolta al tribunale per ottenere, il diritto alla casa, almeno mille euro al mese per il mantenimento dei due figli(uno maggiorenne e uno ancora minorenne) e il 50 per cento delle spese straordinarie. Il marito però è passato al contrattacco e, avendo un reddito inferiore alla moglie, ha chiesto il mantenimento per sé e per i figli di almeno duemila euro al mese, oltre alle spese straordinarie. In più Renato ha presentato le prove dell’infedeltà della moglie, pizzicata grazie a un investigatore privato.

 

 

La sentenza – E la richiesta di Giuliana le si è rivoltata contro come un boomerang: il Tribunale di Bassano del Grappa ha dichiarato laseparazione con l’addebito alla moglie, affido condiviso del figlio minore, casa coniugale a lei, mantenimento dei figli a suo carico eassegno di 250 euro per l’ex marito. A questo punto Giuliana ha fatto ricorso alla Corte di Appello di Venezia e il verdetto è ancor più punitivo verso la moglie fedifraga. Invece di 250 euro, ne dovrà pagare 400 per mantenere l’ex marito. La donna non si arrende e la vicenda arriva inCassazione che mette la parola fine e conferma la sentenza in Appello.

Il tradimento – Giuliana dovrà pagare un assegno di 400 euro per gli alimenti al marito, dovrà provvedere interamente al mantenimento dei due figli della coppia e il padre avrà ampia facoltà di visita al figlio minore, che è in affido condiviso. Unica consolazione: a lei andrà la casa coniugale. La signora è stata “punita” dalla corte per non essere riuscita a dimostrare che tutto andava già a rotoli e che la relazione extra-coniugale non ha intaccato più di tanto “una situazione matrimoniale già compromessa”.

 

 

fonte:

LIBERO



loading...


Source link

Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


7 + 3 =