IN GALERA PER AVER DIFFAMATO NAPOLITANO: “E’ TUTTA COLPA DELLA BOLDRINI”

Schermata-2016-05-27-alle-11.38.25.jpg


Il primo giugno Francesco Storace torna in Tribunale per il caso di vilipendio a Giorgio Napolitano: rischia anche il carcere. E così il leader de La Destra, in attesa della sentenza, si sfoga in un’intervista a Il Giornale: “Sono convinto che un politico debba combattere fino alla fine, tanto più per un reato di opinione commesso da senatore, perseguitato su autorizzazione del ministro della Giustizia. Quanto di più illiberale ci sia”.

Da questo secondo grado, aggiunge, si aspetta “una chiara assoluzione. Mi sembrerebbe il minimo nel Paese che assolve Erri De Luca per l’accusa di istigazione al sabotaggio della Tav. Per questo sono intervenuto rinunciando alla prescrizione”, rimarca. Storace, si ricorda, è sotto processo per aver ribattuto a Napolitano affermando: “Semmai èindegno il capo dello Stato” (Re Giorgio aveva definito “indegna” una polemica di Storace su Rita Levi Montalcini).

Il leader de La Destra accusa direttamente l’ex Capo dello Stato: “Se si è mosso per bloccare il processo? Credo che se avesse alzato anche un sopracciglio non ci sarebbe stato neppure il primo grado”. Sotto accusaanche Laura Boldrini: “Se la politica si è mossa per abolire il reato? In Senato – risponde Storace – grazie a Maurizio Gasparri si è ristretto il campo delle ipotesi per cui si può essere processati, ma alla Camera, grazie a Laura Boldrini, è tutto fermo”.

Se Storace verrà condannato o, peggio, finirà in carcere, i “mandanti”, a suo parere, sono ben chiari: Napolitano e Boldrini.

 

 

fonte:

LIBERO



loading...


Source link

Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


6 + 2 =