I DUE PARRUCCONI CHE FACEVANO LA MORALE IN TV? BECCATI A TROMBARE IN PUBBLICO COME SE FOSSERO BAMBIMINKIA!

Schermata-2016-08-24-alle-00.11.08.jpg


Di giorno Moulay Omar Benhammad e Fatima Nejjar erano due baluardi della moralità islamica, ma di notte si davano da fare in auto davanti alla spiaggia di Casablanca, in Marocco. Nello stato nordafricano è scoppiato uno scandalo epocale a poche settimane dalle elezioni politiche fissate per ottobre, perché i soggetti coinvolti nell’inciucio sessuale non sono due semplici attivisti del Pjd, il partito della giustizia e dello sviluppo del primo ministro Abdelliah Benkirane, ma due simboli dell’islam politico marocchino.

Benhammad è un docente universitario di studi islamici alla facoltà di Lettere di Rabataveva. Sposato e padre di sette figli, il 63enne aveva anche emesso una fatwa contro lo “scambio di parole d’amore via Facebook”. La Nejjar è invece una star del web, grazie ai suoi numerosi video pedagogici su Youtube. Madre di sei figli, vedova, la 62enne aveva detto alle sue studentesse di non occupare i posti dei maschi e non farsi scappare neanche una risata davanti a loro, altrimenti avrebbero dato facilmente il “via alla fornicazione”.



I due sono stati beccati di notte mentre erano insieme nell’auto di lui sulla spiaggia di Mohammedia, vicino Casablanca. Gli agenti li hanno sorpresi in flagrante delitto di adulterio e per non farsi mancare niente, i due santoni hanno anche provato a corromperli. L’uomo avrebbe poi cercato di convincere i poliziotti che i due fossero legati da un matrimonio consuetudinario, pratica diffusa in Africa, ma fuori da ogni norma anche religiosa relativa al mondo islamico.

La carriera da predicatori adesso sembra più che compromessa. Per gli “amanti del Mur” galeotto è stato il Movimento per l’Unità e la Riforma di cui erano entrambi vicepresidenti. I vertici dell’associazione però non hanno apprezzato la loro scappatella e li hanno sospesi. Dopo 24 ore di fermo, sono anche stati rilasciati, perché la moglie legittima di Benhammad non ha voluto sporgere denuncia. Ma il processo non glielo toglierà nessuno: il 1 settembre si ritroveranno di nuovo insieme, ma alla sbarra, con il rischio di una condanna da 1 a 12 mesi di carcere.

 
()(CLICCA QUI)
FONTE:

LIBERO



loading...


Source link

Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


1 + 9 =