GENTILONI PRENDE PER IL CULO GLI ITALIANI SIN DA ORA: “ME NE ANDRO’ QUANDO…”

Schermata-2016-12-13-alle-12.41.30.jpg


 

Nel suo primo discorso da premier alla Camera, Paolo Gentiloni confessa: ce lo terremo a lungo, anzi a lunghissimo. “Lascio alla polemica politica il dibattito sulla durata del governo: il governo dura fin quando ha la fiducia del Parlamento, come dice la Costituzione”. Chi spera che si torni presto alle urne può anche lasciarsi alle spalle ogni speranza. Le prospettive di questo governo non sono di breve né brevissimo periodo. Dunque, sulle dimissioni di Renzi, Gentiloni afferma: “Questa scelta non era obbligata ma era stata ampiamente annunciata da Renzi, ed averla compiuta è stata un atto di coerenza cui non solo noi della maggioranza ma tutti gli italiani che hanno a cuore la dignità della politica dovrebbero salutare con rispetto”.



Secondo il premier, quello appena insediato è “un governo di responsabilità, garante della stabilità delle nostre istituzioni”. Dunque Gentiloni ha spiegato che “il governo è pronto a intervenire per garantire la stabilità degli istituti e i risparmi dei
cittadini”. Dunque Gentiloni afferma che “l’Italia avrà una posizione molto netta su quelle che sono le nostre ragioni” sulla questione migranti. “Non è accettabile che passi di fatto il principio di un’Europa troppo severa su alcuni aspetti di politiche austerity e troppo tollerante nei confronti di Paesi che non accettano di condividere responsabilità comuni” sull’immigrazione.

Nel fiume di belle parole, Gentiloni aggiunge anche che “è nostra intenzione accompagnare e rafforzare la ripresa economica che finalmente e gradualmente, a nostro avviso molto lentamente, si sta manifestando anche nel nostro Paese“. Sulla legge elettorale, il provvedimento più atteso, sottolinea che “il governo non sarà l’attore protagonista. Spetta a voi la responsabilità di trovare intese efficaci. Certo, il governo non starà alla finestra e cercherà di accompagnare e sollecitare il confronto”. In attesa, forse un giorno, di poter finalmente tornare alle elezioni.

 

ISCRIVITI ALLA NUOVA PAGINA FACEBOOK (CLICCA QUI) 

FONTE

LIBERO



loading...


Source link

Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


8 + 5 =