BEPPE GRILLO, CHE FIGURA DI MERDA: SCRIVE UN POST SULLA POVERTA’, COSI’ IL POPOLO DEL WEB LO SPUTTANA PLATEALMENTE

Schermata-2016-12-27-alle-09.26.14.jpg


Beppe Grillo tutto da ridere, ma non per sua scelta. Nel giorno di Natale, sul suo blog, per fare gli auguri ha scelto di citare Goffredo Parise: “Il rimedio è la povertà”. Così il leader pentastellato, nonché grande sostenitore della cosiddetta decrescita felice. Insomma, il milionario Grillo fa l’elogio della povertà. Fatto curioso. Una circostanza che non gli è stata perdonata, affatto, poiché in effetti – ammettiamolo – piuttosto ridicola. Chiarissimo il concetto: Beppe predica benuccio e razzola malissimo. E così, tra i commenti sferzanti degli internauti raccolti da Il Giorno, c’è chi scrive: “Se credi in quello che dici, destina buona parte dei tuoi guadagni al ‘popolo affamato’ e campa con l’essenziale. In caso contrario, tieniti pure i tuoi soldi che ha giustamente guadagnato, ma almeno risparmiaci la morale“. Touché.



15727272_10208243745353785_1257580378184903038_n1482829571167-jpg-beppe_grillo___la_poverta_e_il_rimedio___il_web_lo_umilia_a_suon_di_foto_sullo_yacht

Dunque, in ordine sparso, altri attacchi: “Per un ricco, è normale desiderare che i poveri rimangano poveri, grazie del concetto Beppe”. E ancora: “Fare filosofia è quella moda cara ai radicalchic di ignorare i problemi della gente”. Dunque: “Bellissimo articolo. Soprattutto considerato che è stato letto su un sito stracolmo di banner pubblicitari ed è stato scritto da qualcuno che ha un fatturato di circa 4 milioni di euro. Non ti condanno per quello che fai, ma per quello che dici”. Ari-touché. E infine, per inciso, una nota di “colore”: oltre alle tostissime risposte testuali, la parte critica della rete è stata invasa da una serie di fotografie dalle quali emerge tutta la “povertà” di Beppe, in particolare gli scatti che lo ritraggono a bordo del suo yacht, in Sardegna, nelle acque della modestissima località di Porto Cervo.

 

 

FONTE:

LIBERO



loading...


Source link

Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


4 + 4 =