“OFFRO IL CENONE AI POVERI, MA SOLTANTO SE ITALIANI”: RISTORATORE CON LE PALLE COSI’ RISPONDE A CHI LO ACCUSA DI RAZZISMO

Schermata-2016-12-27-alle-14.22.37.jpg


Un ristoratore di Ravenna ha invitato a pranzo 23 persone indigenti, ma scelte accuratamente solo fra gli italiani. Respingendo le accuse di razzismo

Aggiungi un posto a tavola che c’è un amico in più. Ma solo se italiano.

Il testo della celebre canzone potrebbe essere rivisto così, se si pensa alla storia che ci arriva da Punta Marina, frazione litoranea del Comune di Ravenna, in Emilia-Romagna.

 

 

 

 

Qui, come racconta l’edizione ravennate del Resto del Carlino, un ristoratore della famiglia Moriconi ha deciso di invitare a pranzo, nel giorno di Natale, ventitre poveri. Accuratamente scelti solo ed esclusivamente fra i connazionali.



 Il titolare è consapevole, spiega, che un simile gesto potrebbe costargli delle accuse di razzismo. Ma si giustifica così: “La crisi sta producendo effetti devastanti sugli italiani delle classi più basse e della ex classe media, che non hanno strumenti a cui appellarsi per un aiuto. Non saranno mai primi nelle graduatorie delle case popolari, non hanno diarie giornaliere..”

“Voglio aiutare gli italiani che conoscono ora la stessa disperazione che ho sperimentato io quando ero ragazzo – Il razzismo è un’altra cosa: ci sono tanti italiani che soffrono e non sanno come fare. È un fenomeno sociale.”

Gli italiani indigenti, sostiene Moriconi, “hanno pagato le tasse e fatto girare l’economia di questo Paese”. E a chi lo accusa di razzismo ribatte: “Così si nasconde una realtà drammatica”.

 

FONTE:

ILGIORNALE



loading...


Source link

Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


5 + 2 =